martedì 28 gennaio 2014

Euonymus wilsonii

Non conoscevo questa specie.
Un vivaista svizzero compra una pianta da me, al momento di pagare gli chiedo se vuole fare un cambio pianta (eravamo alla “tre Giorni per il Giardino” di Masino), mi dice che va bene. Passo nel suo stand, non vedo nulla che mi interessi, poi poso gli occhi su uno strano euonimus con i fiori completamente verdi e lo prendo.
Giunto a casa lo rinvaso, non mi convince molto, anche se vedo solo ora che è innestato, per cui qualche pregio deve averlo. La dimentico.
La prima sorpresa ad inizio autunno, i suoi frutti si colorano di arancio. La seconda sorpresa più avanti, il colore dei frutti è sempre più intenso, si aprono e mostrano i semi decisamente rossi. 
 
 La terza sorpresa, a dicembre inoltrato, i semi sono caduti ma il rivestimento arancio/rosso continua a fare bella mostra, anche perché… la pianta non perde le foglie.
Ora, 28 gennaio, la situazione non è cambiata e i frutti colorati, ormai vuoti continuano ad essere ben evidenti in mezzo alle foglie verdi.
Cercando di documentarmi, incontro l'E. myrianthus, e mi viene qualche dubbio che siano sinonimi.

4 commenti:

signore delle rose ha detto...

Molto interessante questo Euonimo, mi lascia perplesso il grappolo di fiori nella prima immagine mentre nelle altre due le bacche sono distribuite lungo tutto il ramo. Come mai?

Renato Ronco ha detto...

Sempre molto attento il signore delle rose... La foto con l'infiorescenza verde l'ho scattata quando mi è arrivata la pianta, l'unica che ho. L'ho persa di vista, per poi accorgermene quando risaltavano i frutti arancio. Anche io resto perplesso, dovrò tenere d'occhio la pianta quest'anno; vista così sembrerebbe quasi che abbia fiori femminili alle ascelle delle foglie.

Calogero ha detto...

Non conoscevo la "Tre giorni per il giardino" di Masino. E... cosa sono i fiori femminili?

Renato Ronco ha detto...

Per produrre frutti e semi occorre, nei fiori, la presenza degli organi maschili (stami) e femminili (pistillo).
Spesso sono presenti sul medesimo fiore, ad esempio la rosa. A volte si trovano sulla medesima pianta, ma in fiori distinti, ad esempio nella begonia.
In certi casi sono su piante diverse, ossia, ci sono piante dello stesso genere con soli fiori maschili e altre con solo fiori femminili, ad esempio agrifoglio.