venerdì 22 agosto 2008

Asimina Triloba

Case&Country dicembre 2008

Siamo sempre alla ricerca di qualcosa di nuovo, di esotico, io per primo,
se poi si parla di qualcosa di edule, le motivazioni aumentano ancora.
Quando mi capitò di vedere e assaggiare un’asimina, (Asimina triloba)
negli anni in cui era quasi sconosciuta, mi procurai subito un paio di piantine.
Il frutto raggiunge una buona pezzatura, 50-300 gr. di peso, la sua polpa è cremosa, la consistenza può ricordare sia la polpa di un avocado ben maturo che quella di una banana, il gusto è dolce e intenso. Il sapore e gli aromi sono difficili da descrivere, in una parola sono “esotici”. La comparsa dell’intenso profumo è l’indicazione che il frutto è maturo e deve essere consumato. E questo è il difetto principale! L’asimina non si conserva a lungo, per questo motivo la sua coltivazione non ha potuto avere una grande diffusione.
La buccia è verde, sottile e liscia, un po’ simile a quella di una mela ma meno consistente. Una volta sbucciata compare la polpa, bianco-giallognola e cremosa, con dentro, posti su due file in ordine sparso, dei semi neri con tegumento duro, grandi poco più del doppio di un seme di anguria, mangiandola non danno molto fastidio, ovviamente bisogna sputarli.
Dal punto di vista nutrizionale il contenuto calorico, di vitamine, minerali, aminoacidi è superiore ai frutti di uso comune.
E’ una pianta facile l’asimina, sopporta il freddo e il caldo senza problemi ed è resistente alle principali avversità; il frutto, gradevolmente esotico, invoglia senz'altro alla sua coltivazione per il piacere del consumo diretto e per sorprendere gli ospiti.
I fiori, di tinta violacea, sono proterogini, ovvero, l'ovario matura prima che gli stami abbiano pronto il polline. Le varierà che si trovano in commercio sono generalmente autofertili.
Le mie piante fruttificano con regolarità, caso mai certe varietà hanno la tendenza a produrre troppi frutti e a grappolo, anche 5/7 sul medesimo picciolo, a scapito della dimensione dei medesimi. Quando i primi frutti sono maturi emanano un profumo percepibile anche a metri di distanza ed è il momento di raccoglierli perché cadono facilmente a terra; è anche il momento di consumarli.
Ha foglie ovate, lunghe 20-30 cm. di un bel verde, in autunno prima di cadere assumono un intenso color oro.
Non richiede potature particolari, qualche intervento per equilibrare la chioma è sufficiente.
L’Asimina appartiene alla famiglia delle anonaceae, come l’anona, chiamata anche cirimoia, il cui frutto pur avendo gli stessi problemi per la manipolazione ha comunque avuto una maggior diffusione.
Le prime notizie sull’asimina risalgono al lontano 1541, e sono riportate da un portoghese che ebbe modo di incontrarla durante l’esplorazione lungo il corso del Mississippi; brevemente narra che era coltivata dalle locali tribù di Pellerossa.
Solo nel 1736, grazie alla collaborazione tra il quacquero John Bartram, che dedicava più tempo e passione alla botanica che alla fede, e Peter Collinson, mercante di Londra ma anche lui appassionato di botanica, arrivarono in Europa le prime piantine, ma fino ad una decina di anni or sono era praticamente sconosciuta in Italia.

10 commenti:

Anonimo ha detto...

a quanti anni la pianta ha cominciato a fruttificare?

Renato Ronco ha detto...

Se la pianta di asimina è innestata produce già al secondo anno. Se nella marza ci sono gemme a fiore porterebbe già al primo anno, ma in quel caso gli tolgo i fiori per non stressarla troppo.
Nel caso di piante da seme o da ricacci selvatici possono passare 4/5 anni prima che vada in fiore.

rosita ha detto...

La mia asimina è al 3 anno di fioritura ma non ha mai fruttificato,spero per quest'anno porti avanti almeno un frutto. ciao Rosita

Renato Ronco ha detto...

Rosita, è strano che la tua asimina non porti frutti, le mie fruttificano già dal secondo anno di innesto, anche in vaso.
Per quanto mi risulta le varietà in commercio sono autofertili, ma non sono certo un esperto, mi limito a qualche pianta più che altro per la curiosità, ma anche le piante del mio vicino fruttificano regolarmente. Ho guardato la foto sul tuo blog, i fiori delle mie piante sono decisamente più scuri, poi non capisco lo sfondo: è contro un muro? La tua pianta potrebbe trovarsi in una posizione che rende difficile l'allegagione.

Rosita ha detto...

L'ho comprata 3 anni fa, è innestata, negli anni passati si formavano alcuni frutticini e arrivati alla grandezza di un fagiolo cadevano. La pianta nell'ultimo anno è cresciuta circa 2 metri l'ho concimata con il letame pellettato. purtroppo si trova contro un muro in piena terra.ciao Rosita

Renato Ronco ha detto...

Rosita, il muro si trova a sud, nord...
Non ci sono molte cosa da fare,
prova a non concimarla per un po', e stiamo a vedere cosa succede quest'anno.
Non ti ho chiesto in che zona geografica si trova la pianta.
Ciao, Renato

Rosita ha detto...

Il muro si trova a sud, però essendo in città Torino ha il sole poche ore circa 4 ore al giorno poi c'è l'ombra delle casa.
Quest'anno vedo gia alcuni gambi dei frutticini seccarsi, forse l'avventura finisce presto. ciao Rosita

hobbysta ha detto...

ciao. ho provato a piantare l'asimina , ma già questa è la terza volta che le piantine seccano. abito in provincia di bari. qualcuno mi sa dire eventualmente il motivo per cui non riescono a crescere?

Renato Ronco ha detto...

Sono portato a pensare che sia siccità, ma non ci sono indicazioni per capire qualcosa di più; ad esempio sono morte tutte e tre nel medesimo mese? Erano in vaso o in terra?

Anonimo ha detto...

It is truly a nice and helpful piece of information. I am satisfied
that you shared this helpful information with us.

Please stay us up to date like this. Thank you for sharing.


Also visit my page ... star wars commander hack